Excite

WSOP 2011, Texas Hold’em alla riscossa?

Dopo la catastrofe che ha stravolto il mondo del poker online americano lo scorso 15 aprile, molti esperti si sono prodigati per cercare di prevedere quali ripercussioni avrebbero toccato anche il poker dal vivo. In particolare, molte riflessioni hanno toccato l’edizione 2011 delle World Series of Poker.

Ma da più parti arrivano delle rassicurazioni: le WSOP 2011 non solo non subiranno alcun calo, ma saranno le World Series più grandi di sempre. Questo stando al direttore dei tornei WSOP Jack Effel, e al direttore esecutivo Ty Stewart, i quali hanno dichiarato di essere molto ottimisti, perché qualsiasi giocatore con qualsiasi bankroll, dicono, sarà sicuramente a Las Vegas per le World Series of Poker.

Sembra che il management delle WSOP punti molto sull’introduzione di due nuovi eventi: il torneo di Texas Hold’em da 25 mila dollari di buy-in, specialità heads-up, e il torneo di Pot Limit Omaha Six-Handed da 5 mila dollari di buy-in. Inoltre, il casinò Rio ospiterà molti più tornei satellite di qualificazione rispetto alle stagioni precedenti, per ovviare alla notevole riduzione di satelliti online dovuta al blocco dei maggiori siti di poker negli Stati Uniti.

Nel 2010, i 57 eventi delle WSOP hanno attirato un numero record di 72.966 giocatori, provenienti da 117 Paesi diversi, per un montepremi generato totale di oltre 187 milioni di dollari. Se le previsioni di Effel e Stewart dovessero rivelarsi corrette, il Texas Hold’em potrebbe tornare in auge anche là dove ultimamente non vive il suo periodo migliore, cioè proprio negli Stati Uniti. Le WSOP 2011 partiranno il 31 maggio: ai posteri l’ardua sentenza.

(Foto © sergio_conda su Flickr)

poker.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017