Excite

Tornei poker: WSOP 2011, Perrins fa la voce grossa

Matthew Perrins ha vinto il suo primo braccialetto alle WSOP 2011, secondo in assoluto per gli inglesi dopo quello di Jake Cody, facendo suo l’evento numero 9, un torneo di 2-7 Draw Lowball No Limit dal buy-in di 1.500 dollari. Perrins ha battuto la concorrenza di 275 giocatori e si è aggiudicato una prima moneta da 102 mila dollari. Settimo posto per Jason Mercier, uno dei giocatori di poker più noti al tavolo finale.

Intanto proseguono gli altri eventi, a cominciare dal numero 8, un torneo di Texas Hold’em No Limit dal buy-in di 1.000 dollari. Dalle parti di Las Vegas eventi come questi li chiamano ‘donkaments’, un neologismo che fonde la parola ‘donk’ (‘asino’, termine con il quale vengono definiti i giocatori scarsi) e ‘tournament’ (‘torneo’) e che sta a indicare tornei dove la fortuna conta più dell’abilità. Non deve pensarla così Jon ‘PearlJammer’ Turner, fenomeno che in carriera ha vinto già svariati milioni e che ha pure scritto un paio di libri molto apprezzati sui tornei di Texas Hold’em: Turner è il chip leader assoluto, ma dovrà vedersela contro giocatori del calibro di Jonathan Duhamel.

Anche l’evento 10 è dedicato al Texas Hold’em No Limit, specialità 6-Max e buy-in di 1.500 dollari. Sono partiti in 1920, ne sono rimasti solo 188, 180 dei quali andranno a premio. Comanda la truppa Anthony Spinella, ancora in corsa, tra gli altri, David Kitai, Eric Froelich, Erica Schoenberg (fresca di matrimonio con il pro Erik Lindgren), Matt Stout e Greg Mueller.

Infine, l’evento 11: si tratta del secondo torneo di poker dal buy-in di 10 mila dollari di queste WSOP, dedicato all’Omaha Hi-Lo. 202 giocatori si sono seduti ai tavoli da gioco, tra cui un sacco di stelle del firmamento del poker mondiale. Eric Buchman, uno dei November Niners nel 2009, è il chip leader, ma occhio a Freddy Deeb, Eugene Katchalov, Tom Dwan e ai nostri Dario Alioto e Max Pescatori.

poker.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017