Excite

Texas Hold’em: Pro di poker in carcere per contrabbando

L’ennesimo scandalo ha colpito in questi giorni il già parecchio bistrattato mondo del poker (anche se questa volta da biasimare non è certo il movimento, ma le azioni di un singolo): il professionista australiano David Saab è stato condannato a 14 anni di prigione per contrabbando di cocaina. Saab dovrà scontare almeno 10 anni di pena, prima che possa venire presa in considerazione la libertà condizionale.

Saab, secondo i giudici, non ha agito da solo, anche se i suoi aiutanti non fanno parte del mondo del Texas Hold’em che conta . Darren Hughes e Robert Remeeus, infatti, si sono beccati entrambi otto anni, con un minimo di cinque prima che la condizionale possa essere applicata. I due dovranno scontare una pena minore, dal momento che è stato il pro di poker a organizzare il contrabbando e a reclutare i suoi ‘aiutanti’.

I tre malviventi, è il caso di chiamarli così, sono stati arrestati nel gennaio scorso, dopo che la droga è stata trovata all’interno di un contenitore che avrebbe dovuto contenere solo equipaggiamenti agricoli (spedito da Sydney con destinazione Canada). Sembra che il valore degli oltre 14 kg di cocaina trovati nel contenitore si aggiri tra i 6.5 e gli 8.5 milioni di dollari. Evidentemente Saab, che nei tornei di Texas Hold’em in carriera ha guadagnato ‘solo’ mezzo milione, voleva arrotondare un po’…

I tre si sarebbero conosciuti giocando a poker online, anche se come detto Remeeus non è affatto un professionista. Eppure i suoi risultati, stando al suo nickname ‘remo_04’ non erano affatto male, visto che aveva vinto anche quasi 40 mila dollari in un importante torneo di poker online. Ora dovrà dire addio al suo hobby per un bel po’ di tempo.

poker.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017