Excite

Poker online: cash game in Italia, prime reazioni

Da un paio di giorni, precisamente da lunedì 18 luglio alle ore 14, anche in Italia si può giocare al cash game in qualsiasi sala poker su Internet che abbia una regolare licenza AAMS e che, ovviamente, sia già pronta a questa nuova modalità di gioco. Eppure le prime sessioni di cash game non sono state eccezionali, per una serie di problemi legati in parte alla novità e in parte all’aspetto tecnologico e di gestione.

Proprio per questo motivo, temendo possibili guai, il poker online in versione cash per questa prima settimana è limitato a 3 ore per le giornate di lunedì e martedì, 12 ore per le giornate di mercoledì e giovedì, per poi finalmente diventare attivo 24 ore su 24 da venerdì in avanti, salvo diverse disposizioni dell’ultim’ora.

Parlavamo dei problemi strutturali di questa nuova modalità di poker. Ebbene, praticamente tutte le poker room hanno subito dei rallentamenti e dei blocchi del software, segno indubbiamente che sono molti i giocatori che hanno provato il cash game nei primi giorni della sua vita, ma segno anche che probabilmente dal punto di vista tecnico le cose devono ancora essere migliorate.

Ovviamente, l’evento ha avuto una certa risonanza anche tra i media, subito pronti a fare le pulci al Texas Hold’em e al gioco del poker online in generale. Naturalmente, spesso i servizi televisivi e gli articoli dei giornali vengono affidati a persone che di poker sanno e capiscono poco o nulla, con il risultato che ne esce un quadro totalmente distorto rispetto alla realtà. Si parla di ‘demone del gioco’, ‘rischio di rovinarsi’ e altre frasi fatte catastrofiche sulla stessa falsa riga. Eppure, dal punto di vista logico non dovrebbe essere molto difficile capire che giocare a poker o giocare al bingo non è molto diverso, dal punto di vista di una possibile sindrome da dipendenza.

poker.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017