Excite

Poker cash game: Problemi per un pro del poker online

Ha davvero dell’incredibile ciò che è capitato recentemente a Daniel ‘jungleman12’ Cates, uno dei più forti giocatori di poker cash game online in circolazione. Il buon Daniel, americano fin nel midollo, aveva trovato nel Canada la meta ideale dove ricominciare a giocare, proprio come il suo collega, il poker player Phil Galfond. Ma le cose non sono andate come aveva previsto.

Innanzitutto ricordiamo ancora una volta il motivo di questa diaspora che sta colpendo i giocatori di poker online degli Stati Uniti. Come sapete, dallo scorso 15 aprile il poker online è bloccato nel territorio americano; naturalmente la cosa ha colpito milioni di giocatori occasionali, ma anche i professionisti dell’online che facevano del poker virtuale la loro principale fonte di reddito. Molti dei professionisti, quindi, hanno deciso o di passare al poker dal vivo, oppure di trasferirsi in un altro Paese.

Dopo averci riflettuto un po’, anche Daniel Cates aveva deciso di emigrare a Vancouver, cosa che aveva anche annunciato sul suo profilo di Twitter: ‘Domani me ne andrò a Vancouver, è ora di tornare a dominare il poker online’. Purtroppo per lui, le cose non sono andate come sperava, visto che è stato, come si suol dire, rispedito al mittente.

Lo stesso ‘jungleman12’, nome assai noto tra gli appassionati di cash game online, ha spiegato ciò che è successo, sempre via Twitter: ‘Sembra ridicolo, ma sono stato cacciato fuori dal Canada perché definito un immigrato illegale. Me ne tornerò a Seattle domani cercando di ottenere un permesso temporaneo’. A quanto pare in Canada non fanno sconti a nessuno, neppure ai fenomeni del poker online.

poker.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017