Excite

Isildur1 potrebbe pagare 150 milioni di tasse

Il mistero di Isildur1 è stato svelato a inizio anno durante il PCA alle Bahamas, ma Viktor Blom, il giocatore svedese che si è scoperto essere il misterioso giocatore di poker online, continua a far parlare di sé. Il governo svedese, scoperta la sua identità, potrebbe richiedere un’enorme cifra in corrispettivi fiscali al ventenne fenomeno del Texas Hold’em.

Secondo il quotidiano ‘Dagens Industri’, l’equivalente del Fisco svedese, lo Skatteverket, ha già annunciato la propria intenzione di indagare sugli operatori di poker online, il cui guadagno viene prodotto principalmente in Svezia, nonostante pretendano di dichiarare presunte basi fissate all’estero. Il quotidiano dice anche che Viktor Blom potrebbe ricevere la visita ‘sgradita’ dello Skatteverket, anche se la notizia non è stata confermata. D’altronde, i proventi derivati dal Texas Hold’em che Isildur1 ha guadagnato in questi anni rientrerebbero nei parametri di ricerca.

In Svezia, i professionisti del Texas Hold’em non pagano tasse, a meno che le partite che giocano vengano svolte fuori dall’Unione Europea, nel qual caso si applica una ritenuta del 30% su ogni singolo piatto vinto. Dag Hardyson, dell’autorità finanziaria svedese, ha detto al Dagens Industri che secondo lui alcune poker room online sulle quali ha giocato Blom sono da considerare con base esterna all’Europa.

Facendo due calcoli, se Blom dovesse pagare tutti le tasse derivate dai proventi del Texas Hold’em, potrebbe dover sborsare l’incredibile cifra di 150 milioni di dollari, poiché nel computo vengono considerati i piatti vinti da Isildur1, e non le vincite effettive al netto dei buy-in e delle tasse di iscrizione ai vari tornei, o del rake dei piatti che si applica durante il poker cash game online.

(Foto © limowreck666 su Flickr)

poker.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017